SALVIAMO LA RICERCA BIOMEDICA ITALIANA

24 Settembre 2019

Care Colleghe e Colleghi, care Amiche e Amici,

con la presente Vi chiediamo pochi secondi del Vostro tempo per riflettere sul Manifesto allegato al presente link.

Riguarda una importante iniziativa già sottoscritta e promossa da scienziati di prestigio internazionale come Silvio Garattini, Giacomo Rizzolatti, i premi Nobel Eric Kandel, Françoise Barré-Sinoussi e e molti altri. Insieme a tante giovani ricercatrici e ricercatori del nostro Paese, chiediamo il Vostro aiuto per riaffermare la valenza scientifica ed etica della sperimentazione animale come strumento di conoscenza e progresso nella ricerca biomedica, neuroscientifica e neuropsicologica. Non si tratta semplicemente di battersi contro l’oscurantismo antiscientifico, le notizie false e le derive violente di istanze animaliste che stanno mettendo a repentaglio il futuro della ricercaitaliana (riprese anche da Nature, Science; e sulla stampa nazionale compresi Repubblica, Corriere e La Stampa). L’obiettivo più alto è dimostrare, prima di tutto a noi stessi, di essere davvero una communitas, che riconosce la necessità e la responsabilità di comunicare ai cittadini e alla politica il valore del nostro lavoro, il beneficio per tutti di ogni scoperta ottenuta grazie ad esso, l’attenzione e la tutela che dobbiamo al benessere degli animali impegnati nella ricerca. Non derogare, e non declinare, rispetto ai nostri impegni di ricercatori, accademici e cittadini passa anche attraverso un gesto semplice quanto fondamentale:

Firmare questo manifesto, divulgarlo, e farlo firmare a quante più persone possibile.

Non temete di essere ridondanti, e nessuno si dispiaccia di ricevere più volte la stessa mail: sarà solo il segno che la comunità di cui siamo parte è viva, attiva, e non si rassegna né al silenzio né a spegnersi sotto la pressione di pochi individui attivi nel combattere ciò che invece dovrebbe essere promosso e sostenuto apertamente e con convinzione.

La ricerca ha bisogno di fiducia e del supporto di tutti noi!

Grazie.

Luca Bonini (Università di Parma) e Marco Tamietto (Università di Torino)

https://www.research4life.it/salviamo-la-ricerca-biomedica-italiana/