«

»

ott
30

TRAUMA CRANICO E TERAPIA OCCUPAZIONALE (D.Saviola – A. De Tanti)

 

Nella mia biblioteca si è aggiunto da pochi giorni questo nuovo libro. Lo ammetto, non lo ho letto ancora tutto , però la voglia di segnalarlo in questo blog è stata subito alta.

E’ un libro chiaro, pieno di informazioni utili anche per coloro che  sono a digiuno di terapia occupazionale (T.O.)  e che vogliono cominciare a conoscere la materia, o per necessità lavorative,  o (perchè no ?) per informarsi prima di scegliere di intraprendere il percorso per diventare terapista. Inoltre,  troviamo in questa pubblicazione anche una serie di  di esperienze dirette , racconti di pazienti o di persone con loro a contatto, che permettono una visione narrata della disabilità  (nel senso della narrative medicine) che non è concessa spesso dall’astrattezza e rigidità dei manuali. 

Come puntualizzano gli Autori, scopo del libro non è quello di sostituirsi ai già esistenti manuali di T. O. , ma dal bisogno di  ”sistematizzare in modo organico riflessioni teoriche ed esperienze pratiche sull’apporto della terapia occupazionale applicata al contesto della riabilitazione di persone con esiti di grave trauma cranico. Sono descritti percorsi in cui i pazienti sono coinvolti in esperienze sempre più ecologiche che li portano a sperimentare in sicurezza – prima in laboratori tematici con setting molto strutturati e poi fuori dalle mura dell’ospedale – attività di vita quotidiana anche complesse. ” (dalla presentazione del volume di FrancoAngeli Edizioni)

Vanno menzionate anche le trattazioni di capitoli decisivi e gravosi per ogni percorso riabilitativo  come “bioetica e Disabilità“, o “Preparare il ritorno a domicilio della persona in Stato Vegetativo“, che comunque non escludono, da un dialogo complessivo sulla riabilitazione, anche temi più quotidiani come  “il turismo accessibile“. Infine, come ulteriore elemento di merito di questo volume, segnalo in particolare l’ultima parte  in cui vengono esaminati elementi che, da “accessori” del percorso riabilitativo , stanno ormai assumendo una intrusività nel lavoro del fisiatra sempre più decisiva: abbiamo il Direttore della Motorizzazione Civile di Parma che spiega le nuove norme in tema di guida per i disabili e di obbligatorietà di segnalazione, da parte degli ospedali, dei pazienti che hanno avuto una grave cerebrolesione. Nel capitolo seguente si spiega invece  lo statuto dell’amministratore di sostegno e cosa occorre fare per richiederne la nomina.

Ulteriori informazioni sono a disposizione nel sito:

http://www.francoangeli.it/Ricerca/Scheda_libro.aspx?ID=18855

 

A presto

Share this nice post:

2 commenti

  1. NICOLAIDIS RITA says:

    Ho recentemente pubblicato un libro che ha costituito lamia personale terapia occupazionale rispettoad un problema i emiparesi a seguito di coma postraumatico i postraumatico: la mia proposta è quella di utilizzarlo come strumento di curae di ricerca nel vostro centro. Sono disponibile all’invio del volume p.v.c. e alla presentazione dello tesso con l’ausilio di tecnici da me contattati: il fine è presentare l’autobiografia come cura di sè con la resilienza e la lo sviluppo di un pensiero autonomo.
    Cordiali saluti
    Dott.sa Nicolaidis Rita

    1. fscarponi says:

      Intanto, grazie per il contributo. Chiaramente ho qui solo fatto la recensione di un libro di colleghi che sono molto noti da tempo in ambito riabilitativo , per cui , se tu fossi interessata ad un dialogo-collaborazione ti posso solo consigliare di contattare direttamente gli autori. Per quanto mi riguarda credo che il ruolo dell’autobiografia possa comunque allacciarsi ad un tema che si sta evolvendo ultimamente in Italia, ovvero la Medicina Narrativa, di cui esistono già alcune esperienze e che stiamo cercando di utilizzare anche nel nostro reparto di Foligno (PG) nell’ambito delle cerebrolesioni. Per contatti con il nostro gruppo il numero di reparto è 0742-3397968. grazie mille,
      Dott Federico Scarponi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato!


9 − otto =

Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

be a pal and share this would ya?
TRAUMA CRANICO E TERAPIA OCCUPAZIONALE (D.Saviola – A. De Tanti)